CIVIC CROWDFUNDING

Privato, pubblico ed impresa insieme per realizzare un bene comune. 

Vi aiuteremo a dare un’anima ai Vostri mattoni: con noi i Vostri immobili scopriranno la loro vocazione sociale.  Valorizzerete gli immobili anche come “intangible asset”.

COHOUSING

Sono insediamenti abitativi composti da alloggi privati corredati da ampi spazi comuni ed a servizi destinati ai cohousers (cucine, lavanderie, spazi per ospiti, palestre, piscine, biblioteche, spazi comuni per giocare, lavorare e studiare, ecc.). 

Le abitazioni private sono di solito di dimensioni più contenute rispetto alla media di un 5-15%, per contenere i costi e favorire l’utilizzo delle aree comuni e comprendono dalle 20 alle 6 famiglie.

 

Il cohousing si sta affermando come strategia di sostenibilità.

Sostenibilità energetica, grazie alla qualità degli ambienti domestici e degli spazi comuni, nei quali la necessità di raggiungere i più alti standard di comfort possibile si combina con la necessità di una efficienza energetica tesa al minor impatto economico possibile e al rispetto dell’ambiente in generale. Frequenti sono l’utilizzo di tecnologie costruttive e di sistemi impiantistici avanzati che garantiscono la miglior classe energetica possibile.

Sostenibilità economica, acquistare casa conviene i quanto si opera sempre attraverso un gruppo d’acquisto, gli spazi comuni sono elementi che consentono d’acquistare alloggi di dimensioni più contenute e le spese per i servizi vengono suddivisi tra molti utenti.

Sostenibilità sociale, in quanto tutti collaborano con spirito positivo e utilizzano gli strumenti di dialogo e di gestione appresi in progettazione partecipata, la miglior scuola di condivisione e socialità: durante questo percorso si decide insieme la destinazione degli spazi comuni, le regole per la gestione e i servizi collaborativi. Si crea così un forte senso di appartenenza dove lo scambio e il supporto reciproco tra le persone porta vantaggi a tutti.

CENTRI POLIFUNZIONALI

Ti piacerebbe che il tuo Comune potesse ospitare uno o due spettacoli al giorno di grande livello?
Venerdì sera pallavolo, sabato pomeriggio tennis, sabato sera concerto, domenica pomeriggio calcio e domenica sera teatro, ecc …
Il Comune non ha denaro per potersi permettere tutto questo?
Voi trovateci un’area ben collegata ad aeroporti, tre

ni ed autostrade ed al resto penseremo tutto noi.

Non vi costeremo alcunché se ci chiamerete alla presenza di almeno due presidenti delle principali squadre del vostro Comune e dell’intera Giunta.

Vi costruiremo un Centro polifunzionale capace di ospitare da 8 a 16.000 persone.
Sarà coperto, bellissimo, versatile … completo di albergo, ristoranti, centro sportivo, ecc.
Il Vostro Comune sarà finalmente all’altezza delle aspettative dei Vostri elettori!
Tutto il mondo conoscerà il vostro Comune grazie al Centro Polifunzionale.
Ma potrete fare molto di più …
– gli studenti potranno vedere un film e poi godersi la struttura come fosse una grande è meravigliosa palestra;
– gli anziani potranno ritrovarsi tutti insieme per poi concedersi una serata di liscio;
– finalmente potrete accogliere in un sito adeguato gli Alpini o i Fedeli o chiunque altro desidererete riunire.
Non facciamo miracoli ma riusciamo a coniugare:
– l’ardore dei migliori progettisti del settore con l’esperienza dei nostri consulenti finanziari di ultima generazione;
– i migliori sponsor con i fornitori più convenienti;

– l’innovazione finanziaria del Crowdfunding Equity Based con la fantasia del Crowdfunding Reward;

ENTI PUBBLICI

Sono numerosissimi gli immobili di proprietà dello stato o di enti locali che hanno uno scarso valore commerciale, che hanno ngenti costi per la loro gestione e che non creano alcun valore per i cittadini.

Il civic crowdfunding può essere la soluzione per la loro valorizzazione. E’ una delle tipiche forme di raccolta fondi dal basso dove soggetti istituzionali come comuni se ne stanno servendo per finanziare opere pubbliche e attività di restauro del tessuto urbano. Il crowdfunding civico propone il superamento della divisione concettuale tra privato, pubblico ed impresa al fine del raggiungimento di un bene e di un benessere comune. Si fondono la cultura del web con la finalità civica dove persone, iniziative e comportamenti ricercano modelli innovativi fondati su valori e obiettivi sociali.

Tra gli esempi più famosi la costruzione di un ponte pedonale a Rotterdam nel 2011 e la conversione di un magazzino sotterraneo in parco pubblico a New York.

Gli specialisti di CrowdRE si propongono come interlocutori ideali tra gli Enti pubblici,  gli imprenditori e i cittadini.

AEE URBANE DISMESSE

Le città italiane, dopo alcuni decenni di un ciclo economico espansivo con una progressiva estensione dei territori urbanizzati, è entrato in una nuova fase che contempla un cambiamento estremo sia culturale che materiale.

Le comunità non possono più contare dalla propensione privata agli investimenti negli immobili e dalle ricadute che tali investimenti potevano generare sui singoli territori: in regime di risorse scarse resisterà solo chi sarà in grado di proporre fattori di qualità piuttosto che di quantità.

Necessita mobilitare risorse diverse che generino un’offerta aderente alle necessità fondamentali della gente.

Un’opportunità per riprogettare la città sulla base delle necessità dei cittadini, in cui i bisogni di tutti e di ciascuno non siano subordinati agli interessi di pochi.

Tra le grandi opportunità c’è la disponibilità di intere aree urbane dismesse che devono contribuire a rigenerare parti di città esauste: aree che non hanno più valore in quanto non hanno resa e che spesso hanno solo grandi costi. La loro valorizzazione non passa più attraverso soluzioni con esclusivo connotato economico ma trovano la loro seconda vita mediante soluzioni innovative prevalentemente di carattere sociale.

In questo contesto la qualità urbana non rimanda solo a valori estetici ma anche e soprattutto a valori etici dove il termine sviluppo non è più sinonimo di entropia, che in ultima istanza sottrae beni come fa lo sviluppo urbano legato al consumo del suolo, ma di rigenerazione e di crescita.

Diventano così la nuova normalità il Social Housing, Ecoquartieri, l’integrazione dell’agricoltura nelle aree urbane e periurbane abbandonate o sottoutilizzate (agricoltura urbana), i parchi produttivi legati alle tecnologie ecosostenibili, la riconversione sistematica nel senso della qualità di tutto il patrimonio esistente, il restauro dei territori vasti, la mobilità pubblica , l’attuazione delle bonifiche, il Welfare urbano diffuso, l’eliminazione dei fattori di rendita dalle trasformazioni urbane in favore dei fattori produttivi, il necessario ripensamento degli strumenti di pianificazione, peggiorati dal coacervo legislativo regionale.

Sono tutti termini che rimandano alla questione della rigenerazione urbana che può avere senso e successo solo se diventa non una delle politiche virtuose che vengono fatte da una amministrazione, ma la politica portante di trasformazione delle città concepibile una volta attraversato quel tornante della storia che sta definendo nuovi modi di vivere e di operare e nuovi parametri economici a cui rapportarsi.

RESIDENZE PER SENIOR

Il mercato è diviso in Case di cura, RSA (Residenza Sanitaria Assistenziale), Residenze Protette e Case di riposo.

Una casa di riposo differisce da una RSA poiché qu

est’ultima è destinata a persone non autosufficienti e da una casa di cura per il livello di cure mediche fornite.

Le RSA si rivolgono ad anziani che necessitano di assistenza medicale e si basa prevalentemente sulle convenzioni con il SSN.

La Residenza Protetta è una struttura residenziale con elevato livello di integrazione socio-sanitaria, destinata ad accogliere, temporaneamente o permanentemente, anziani non autosufficienti, con esiti di patologie fisiche, psichiche, sensoriali o miste stabilizzate, non curabili a domicilio e che non necessitano di prestazioni sanitarie complesse.
La Residenza Protetta fornisce ospitalità ed assistenza assicurando un livello medio di assistenza medica, infermieristica e riabilitativa  accompagnato da un livello elevato di assistenza tutelare ed alberghiera.
In particolare la Residenza Protetta, per il mantenimento ed il miglioramento dello stato di salute ed il benessere dell’anziano ospitato, offre:
• occasioni di vita comunitaria, attività ricreative  e servizi per l’aiuto nelle attività quotidiane;
• attività finalizzate al mantenimento e all’ attivazione delle capacità residue;
• assistenza medica, infermieristica e riabilitativa.
E’ necessario presentare domanda di ammissione all’U.P.S. del Comune nel quale sono ubicate le residenze. Successivamente una equipe integrata socio sanitaria valuterà l’adeguatezza o meno della struttura rispetto alle patologie della persona e al gradi di autosufficienza.

Le case di riposo si possono dividere in Residenze per anziani autosufficienti e Residenze per anziani di alta fascia. Per entrambe l’equity crowdfunding sembra un’ottima soluzione per finanziare nuove strutture.

Le “residenze per anziani autosufficienti” o “residenze sociali assistite” sono un mercato ricchissimo in Europa ma poco conosciuto in Italia. Un mercato ampissimo che nasce dall’incremento dell’aspettativa di vita, dal miglioramento della qualità della salute nella terza età e dall’allontanamento dalla città di origine dei figli per motivi professionali e/o dalla scomparsa del congiunto che portano il Senior a ricercare un fabbisogno abitativo a valore aggiunto. Necessitano di abitazioni di ridotte dimensioni e di con costi contenuti grazie soluzioni energetiche efficienti. Inoltre chiedono servizi e spazi per socializzare (ristorazione, sale lettura, benessere, ecc.) che possono essere utilizzati a pagamento. Questi ultra65enni autonomi, che vivono in condizioni di solitudine o che si vedono costretti a lasciare la propria abitazione per una struttura che offra anche alcuni servizi di sostegno, possono chiedere di essere ospitate in modo permanente o temporaneo nelle residenze sociali assistite, piccole strutture di tipo alberghiero, che assicurano il servizio di riordino delle stanze, il vitto, il lavaggio di biancheria, ecc. Nella struttura, è prevista anche l’assistenza sanitaria di base (presenza del medico di famiglia, ambulatorio medico, farmaci, ecc) e l’organizzazione di varie attività sociali, culturali e ricreative.  Talvolta, per richiedere ospitalità nelle residenze sociali assistite ci si deve rivolgere ai Servizi Sociali del proprio Comune. I servizi sociali, dopo aver valutato la situazione personale, possono anche contribuire al pagamento della retta, variabile secondo la singola struttura. Tra le residenze sociali assistite sono comprese anche le comunità alloggio e le case famiglia, tutte strutture a gestione familiare o autogestite che assicurano, oltre alle attività di tipo alberghiero, l’assistenza e l’aiuto alla persona, attività di animazione e di socializzazione.

Residenze per anziani di alta fascia sono rivolte ad una nicchia di Senior con elevato potere di spesa.

TURISMO E SVILUPPO DEL TERRITORIO

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

TURISMO & INNOVAZIONE è una RETE DI IMPRESA formata da varie professionalità/imprese, del settore comunicazione, marketing, formazione e co

nsulenza aziendale, in grado di attivare un polo di innovazione turistica, lavorando in collaborazione tra loro con la possibilità di condividere spazi, informazioni, contatti, competenze, soluzioni e quant’altro.

La rete  avrà la finalità di raggruppare e coordinare diverse professionalità che potranno attivarsi e lavorare nell’ambito della promozione e valorizzazione del turismo locale e non,  nelle sue più svariate forme e sfaccettature.

La rete sarà in grado di fornire un ventaglio di prodotti e servizi a 360° legati alle esigenze del mondo della comunicazione, promozione turistica e valorizzazione del territorio.

L’offerta di prodotti e servizi della rete sarà incentrata sulla Comunicazione e Marketing Turistico e sulla creazione del PRODOTTO TURISTICO con l’obiettivo di proporre e vendere la DESTINAZIONE TURISTICA.

La rete si propone anche come coordinamento e punto di riferimento per la realizzazione di progetti e iniziative volte alla conoscenza e promozione del territorio stesso, alla creazione di offerte, servizi, opportunità lavorative, in sostanza a valorizzare il territorio in tutte le sue possibilità.

SERVIZI OFFERTI DALLA RETE D’IMPRESA

La rete offrirà un ventaglio di servizi e prodotti legati al marketing turistico, alla comunicazione integrata, allo sviluppo e pianificazione di strategie online ed offline per operatori turistici, enti pubblici, consorzi e associazioni che intendono migliorare la loro visibilità e raggiungere nuovi clienti.

  1. Pubblicità e Comunicazione
  2. Marketing strategico e servizi di promozione online e offline
  3. Gestione e promozione della destinazione turistica e del  prodotto turistico
  4. Gestione sistemi di prenotazione e pagamento online integrati
  5. Accoglienza e accompagnamento del turista sul territorio
  6. Intermediazione del prodotto turistico tramite agenzie, tour operator e associazioni
  7. Servizi per il cicloturismo, le MTB e mobilità sostenibile
  8. Formazione e consulenza agli operatori
  9. Innovazione e sviluppo
  10. Finanziamento e Crowdfunding